"

Le persone sono proprio come le canzoni: molte le dimentichi dopo una stagione, alcune ti tornano a cercare di tanto in tanto, così d’improvviso, intrise di ricordi e brevi nostalgie, pochissime ma intramontabili, entrano incondizionatamente nel tuo “best of” e saranno capaci di regalarti un brivido, ogni volta. Poi c’è la tua canzone. E se la tua canzone domani andasse distrutta e non potessi ascoltarla mai più? Sai, certe persone sono un po’ come la tua canzone, questo vorrei dirti.

- Massimo Bisotti

"
"

Ma io non ho mai avuto intenzione di piacere a tutti, nemmeno a me piacciono tutti! Accettarlo ci rende leggeri, più consapevoli, ci libera. Io vorrei piacere a chi piace a me. Voglio piacere a te perchè mi piaci tu. E’ stupendo guardarsi e riconoscersi, nutrirsi della profonda convinzione che c’è un senso ai nostri incontri migliorie anche se poi un senso non c’è, darglielo lo stesso. Siccome il tempo è veloce e non possiamo perderlo, è meraviglioso scegliere e fermarsi con chi ha voglia di stare con noi. I rapporti che perdiamo per strada senza apparente motivo sono come il cestino di un computer. Bisogna svuotarlo per fare spazio al nuovo. C’è qualcosa su ogni scrivania che non butteremmo mai via. Tu sei questo: il mio cuore in una fotografia che non cancellerò. Cancellarla vorrebbe dire cancellarmi un po’.

- Massimo Bisotti

"
"Ma quando Dio distribuiva l’intelligenza, tu eri a farti lo shatush?"
(via youremyfreedom)

(via unaragazzadimenticata)

"Credo in quelle persone che arrivano all’improvviso e ti fanno vivere una nuova vita.. Come se quella precedente non fosse mai esistita. - cit."
paroletremantinellanotte:

 
"L’estathè lo prendo sempre alla pesca, la montagna la odio, il mare lo amo.
L’ombrello non lo porto quasi mai, neanche quando piove a dirotto. Le patatine le preferisco senza ketchup, il McChicken senza insalata, la pizza è quasi sempre la margherita e poi c’è la coca cola.
Il sole mi mette di buon umore, ma amo anche la pioggia. Che mi piace stare li e sentire il rumore dell’acqua che scende o stare su un divano, abbracciata a qualcuno a vedere un film mentre fuori piove.
La matita sugli occhi la metto perchè mi sento un po’ meno brutta. Mi piace quando mi accarezzano i capelli e quando mi abbracciano.
Scrivo perchè non so parlare.
Mi piacciono le foto, i baci, le risate. Amo gli smalti, ma metterli o cambiarli spesso mi da noia. Per questo a volte mi trovi con le unghie disastrate, a volte lunghe, a volte mangiucchiate, a volte senza smalto.
I libri, potrei vivere di libri. Ne comprerei anche 3 al giorno. Che tanto poi a leggerli non ci impiego molto.
Sono ingenua, quel poco che basta per credere alle persone e alle parole e magari poi rimanere delusa.
Sono sempre in ritardo, perchè aspettare non mi piace.
Sono fredda, apparentemente. Sembra sempre che non mi importa di niente, ma non è così. Diciamo che è più una facciata. Perchè non mi piace mostrare i miei sentimenti, un po’ me ne vergogno."
Giulia P; - Sarei dovuta nascere quando ci si guardava ancora negli occhi;
+